Mutu, Ranocchia, Mancini e Ferrara: le quote del Digestivo Antonetto

digestivoantonetto.jpg

Questa rubrica intende dare consigli agli scommettitori e deve il suo nome a… (ve lo abbiamo spiegato qui). Fidatevi ciecamente delle nostre dritte: noi abbiamo il panfilo, voi al massimo una pantofola.

uomo muto.jpg

Mutu segna ancora – Quota Digestivo Antonetto: 1.10 – L’ex cocainomane, sotto la spada di Damocle di una multa stile lodo Mondadori, sembra aver ritrovato il buonumore e la zampata vincente. Ha cambiato pusher?

ranocchia.jpg

Milano avesse lu mere (sarebbe ‘na piccola Beri) – Quota Digestivo Antonetto: 12.25 – Pur privi di Ranocchia (nell’immagine) e di Almiron, i baresi corrono a trecento all’ora, soprattutto Alvarez (infatti la sua acconciatura ne risente). Possono battere l’Inter che a centrocampo schiererà il redivivo Bedin. Se però i mourinhi saranno assititi dal proverbiale culo mourinhano e da una cattiveria adeguata, allora…

sciarpamancini.jpg

La sciarpa di Mancini fa il miracolo – Quota Digestivo Antonetto: 1.70 – Non fa simpatia a molti, come Mourinho. Come Mou, è un ragazzo fortunato e dove va, vince. La sua sciarpa irrita i più. Ma intanto la vendono a tempesta sul sito del City (vedi immagine sopra), con 8 sterline potete sentirvi anche voi un figo. Bentornato.

juveloreal.jpg

La Juve è troppo bella – Quota Digestivo Antonetto: 18.70 – Sarà colpa di L’Oreal che li ha coinvolti in una delle pubblicità più orrende di questo secolo, e adesso si sentono più belli che bravi?

ferraradanette.jpg

Ferrara è troppo bbuono – Quota Digestivo Antonetto: 1.05 – Dài, sarebbe bastato vedere gli spot della Danone per capire che quest’uomo è troppo simpatico per sedere sulla panchina che è stata di Lippi e troppo bbuono per menare i brasiliani, arginare l’acidità dei senatori e compensare le lacune calcistiche della dirigenza. Che sia più portato per la pubblicità?

Mutu, Ranocchia, Mancini e Ferrara: le quote del Digestivo Antonettoultima modifica: 2010-01-15T15:18:00+00:00da dispop
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento